“La linea politica del PD è cambiata. Si convochi subito una direzione nazionale del Partito” è quanto chiede il parlamentare europeo PD Daniele Viotti, copresidente dell’Intergruppo per i diritti LGBT al Parlamento europeo, alla luce dell’annunciato accordo di maggioranza di ieri con NCD per far passare il ddl Cirinnà senza la stepchild adoption.
E’ di ieri anche la lettera di Viotti ai senatori e alle senatrici PD che chiedeva di tentare il tutto per tutto con coraggio per l’approvazione della legge sulle unioni civili come previsto dal testo Cirinnà, senza compromessi al ribasso.
“L’accordo di maggioranza con NCD – spiega Viotti – non è un passaggio tecnico ma un passaggio politico. Questo cambio di rotta non può essere decretato solo dall’assemblea dei senatori. E’ troppo importante e va dibattuto ai più alti livelli di indirizzo politico del PD”.
“Chiedo a Renzi – prosegue Viotti – di rinviare la riunione in programma oggi con il gruppo dei senatori e di convocare una direzione nazionale, anche per via telematica. Abbiamo il dovere di affrontare questo passaggio sulle unioni civili. A Micaela Campana, responsabile diritti della segreteria, chiedo di elaborare una proposta politica da mettere in votazione. Non possiamo improvvisare su passaggi del genere”.
Viotti auspica che “ci sia ancora spazio per portare in Aula la legge nella sua interezza. Qualora dovesse prevalere la linea, infausta, del voto di fiducia sul maxi-emendamento, dobbiamo renderlo inemendabile”.

Facebooktwitter