“Il ritiro dell’emendamento 43.71 è stata una scelta saggia: quella proposta avrebbe di fatto allentato i vincoli imposti dalla valutazione di impatto ambientale e avrebbe diminuito la possibilità di controllo dei progetti di sviluppo aeroportuale da parte dei territori e e dei cittadini coinvolti”. Così il senatore Pd Sergio Lo Giudice, portavoce nazionale di ReteDem, commenta il ritiro dell’emendamento 43.71 alla legge di stabilità, presentato da relatori e governo in Commissione bilancio della Camera e ritirato questa notte.

“Una adeguata e non contrattabile valutazione della sostenibilità ambientale dei progetti infrastrutturali non deve essere subordinata né alle legittime ragioni dello sviluppo produttivo né al necessaria riduzione dei tempi delle decisioni. L’emendamento ritirato – spiega Lo Giudice – avrebbe consentito di approvare i piani di gestione delle terre e delle rocce da scavo al di fuori della procedura di valutazione di impatto ambientale, di ridurre i controlli degli enti locali e di penalizzare la fase di partecipazione e informazione ai cittadini, indispensabile in progetti impattanti come i nuovi aeroporti. Le difficoltà tecniche incontrate da alcuni progetti, come il nuovo aeroporto di Firenze, devono essere affrontate nel merito e non aggirate con forzature normative”.

Facebooktwitter