Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al PD garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la più ampia condivisione. Riguardo alla composizione del Senato, sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio. La politica torni a fare la sua parte per arrivare nelle prossime ore a una soluzione condivisa, con la consapevolezza che non è solo questo il tema da risolvere ma che le funzioni del nuovo Senato, l’equilibrio fra competenze dello Stato e delle Regioni, l’equilibrio fra gli organi costituzionali sono elementi altrettanto centrali della discussione che sta per aprirsi nell’aula del Senato. Facciamo le riforme istituzionali, facciamole presto e facciamole bene, anche per tornare a quei temi che parlano direttamente ai bisogni dei cittadini: il ripristino del principio di legalità, la lotta alle nuove povertà, il riconoscimento dei diritti civili, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente.

I parlamentari aderenti a ReteDem:
Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti, Sandra Zampa

LA NOTIZIA NELLE AGENZIE

RIFORME, RETEDEM: SI RIAPRA IL DIALOGO
(9Colonne) Roma, 16 set – “L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al PD garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la più ampia condivisione”. E’ quanto si legge in una nota congiunta dei parlamentari aderenti a ReteDem: Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti e Sandra Zampa. E si aggiunge: “Riguardo alla composizione del Senato, sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio. La politica torni a fare la sua parte per arrivare nelle prossime ore a una soluzione condivisa, con la consapevolezza che non è solo questo il tema da risolvere ma che le funzioni del nuovo Senato, l’equilibrio fra competenze dello Stato e delle Regioni, l’equilibrio fra gli organi costituzionali sono elementi altrettanto centrali della discussione che sta per aprirsi nell’aula del Senato. Facciamo le riforme istituzionali, facciamole presto e facciamole bene, anche per tornare a quei temi che parlano direttamente ai bisogni dei cittadini: il ripristino del principio di legalità, la lotta alle nuove povertà, il riconoscimento dei diritti civili, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente”. (PO / red)

RIFORME: RETEDEM “TORNI LA POLITICA, SI RIAPRA IL DIALOGO”
ROMA (ITALPRESS) – “Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo, a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al Pd garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la piu’ ampia condivisione”. Cosi’ i parlamentari aderenti a ReteDem Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti e Sandra Zampa. “Riguardo alla composizione del Senato, sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio. La politica – aggiungono – torni a fare la sua parte per arrivare nelle prossime ore a una soluzione condivisa, con la consapevolezza che non e’ solo questo il tema da risolvere ma che le funzioni del nuovo Senato, l’equilibrio fra competenze dello Stato e delle Regioni, l’equilibrio fra gli organi costituzionali sono elementi altrettanto centrali della discussione che sta per aprirsi nell’aula del Senato. Facciamo le riforme istituzionali, facciamole presto e facciamole bene, anche per tornare a quei temi che parlano direttamente ai bisogni dei cittadini: il ripristino del principio di legalita’, la lotta alle nuove poverta’, il riconoscimento dei diritti civili, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente”, concludono. (ITALPRESS). ads/com 16-Set-15 11:45 NNNN

Riforme: Retedem, basta muro contro muro si riapra il dialogo =
(AGI) – Roma, 16 set. – “Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al Pd garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la piu’ ampia condivisione”. Lo affermano in una nota i parlamentari aderenti a ReteDem, Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti, Sandra Zampa. “Riguardo alla composizione del Senato, sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio – proseguono gli esponenti del Pd – La politica torni a fare la sua parte per arrivare nelle prossime ore a una soluzione condivisa, con la consapevolezza che non e’ solo questo il tema da risolvere ma che le funzioni del nuovo Senato, l’equilibrio fra competenze dello Stato e delle Regioni, l’equilibrio fra gli organi costituzionali sono elementi altrettanto centrali della discussione che sta per aprirsi nell’aula del Senato. Facciamo le riforme istituzionali, facciamole presto e facciamole bene, anche per tornare a quei temi che parlano direttamente ai bisogni dei cittadini: il ripristino del principio di legalita’, la lotta alle nuove poverta’, il riconoscimento dei diritti civili, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente”, concludono i parlamentari di Retedem. (AGI) Red/Ser 161152 SET 15

Riforme, Retedem: Torni la politica, si riapra il dialogo

Riforme, Retedem: Torni la politica, si riapra il dialogo (ilVelino/AGV NEWS) Roma, 16 SET – “Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al Pd garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la piu’ ampia condivisione”. Lo scrivono in una nota i parlamentari aderenti a ReteDem Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti, Sandra Zampa. “Riguardo alla composizione del Senato – osservano i parlamentari di Retedem -, sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio. La politica torni a fare la sua parte per arrivare nelle prossime ore a una soluzione condivisa, con la consapevolezza che non e’ solo questo il tema da risolvere ma che le funzioni del nuovo Senato, l’equilibrio fra competenze dello Stato e delle Regioni, l’equilibrio fra gli organi costituzionali sono elementi altrettanto centrali della discussione che sta per aprirsi nell’aula del Senato. Facciamo le riforme istituzionali, facciamole presto e facciamole bene, anche per tornare a quei temi che parlano direttamente ai bisogni dei cittadini: il ripristino del principio di legalita’, la lotta alle nuove poverta’, il riconoscimento dei diritti civili, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente”. (com/gat) 115116 SET 15 NNNN

Retedem: su riforme si riapra dialogo, serve soluzione condivisa
Il muro contro muro non aiuta a trovare le soluzioni migliori

Roma, 16 set. (askanews) – “Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al Pd garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la più ampia condivisione”. Lo sottolineano in una nota congiunta i parlamentari aderenti a ReteDem, Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti, Sandra Zampa.

“Riguardo alla composizione del Senato – osservano – sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio. La politica torni a fare la sua parte per arrivare nelle prossime ore a una soluzione condivisa, con la consapevolezza che non è solo questo il tema da risolvere ma che le funzioni del nuovo Senato, l’equilibrio fra competenze dello Stato e delle Regioni, l’equilibrio fra gli organi costituzionali sono elementi altrettanto centrali della discussione che sta per aprirsi nell’aula del Senato”.

“Facciamo le riforme istituzionali, facciamole presto e facciamole bene, anche per tornare a quei temi che parlano direttamente ai bisogni dei cittadini: il ripristino del principio di legalità, la lotta alle nuove povertà, il riconoscimento dei diritti civili, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente”, concludono i dieci parlamentari Pd.

RIFORME: RETEDEM, TORNI LA POLITICA, SI RIAPRA IL DIALOGO =
Roma, 16 set. (AdnKronos) – “Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al Pd garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la più ampia condivisione”. Lo afferma ReteDem, la corrente del Pd a cui hanno aderito i parlamentari Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti e Sandra Zampa.

“Riguardo alla composizione del Senato – prosegue ReteDem – sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio”. (segue)

LPN-Riforme, Retedem: Stop muro contro muro, si riapra il dialogo
Roma, 16 set. (LaPresse) – “Il percorso delle riforme costituzionali rischia di entrare in stallo a causa di un muro contro muro che non aiuta la ricerca delle soluzioni migliori. L’Italia ha bisogno di riforme, anche dell’assetto istituzionale, e sta prima di tutto al Pd garantire che questo avvenga attraverso soluzioni che abbiano la più ampia condivisione”. Lo scrivono in una nota i parlamentari aderenti a ReteDem Paolo Gandolfi, Giuseppe Guerini, Sergio Lo Giudice, Michela Marzano, Davide Mattiello, Lucrezia Ricchiuti, Grazia Rocchi, Veronica Tentori, Daniele Viotti, Sandra Zampa.

“Riguardo alla composizione del Senato – proseguono – sono state avanzate diverse proposte che possono rappresentare un punto di incontro fra chi chiede l’elezione diretta dei senatori e il principio del radicamento dei nuovi senatori nelle istituzioni del territorio”.

Facebooktwitter