I Centri di identificazione e di espulsione  non sono solo luoghi disumani di reclusione di chi non ha commesso reati, ma sono soprattutto strutture che si sono dimostrate inefficaci. Per questo è sbagliato riaprirli.”

Così il senatore PD Sergio Lo Giudice, portavoce di ReteDem , area della sinistra PD .

” Il rapporto sui CIE della Commissione Diritti Umani del Senato,  steso nel 2014 ed aggiornato nel 2016  https://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg17/file/repository/commissioni/dirittiumaniXVII/rapporto_cie.pdf  parla chiaro – spiega Lo Giudice che della commissione  é membro – .  Solo il 50% degli stranieri reclusi nei CIE sono stati rimpatriati, una percentuale corrispondente ad appena l’1% degli stranieri irregolari presenti sul territorio nazionale .

Ci sono altre misure più efficaci da potenziare: dall’identificazione in carcere per quei tanti ospiti  dei CIE che provengono da un periodo di detenzione, al rafforzamento degli accordi con i paesi di origine per snellire le procedure di rimpatrio. Mi auguro che il Ministro dell’Interno Marco Minniti voglia rivedere la sua intenzione di riaprire nuovi CIE e prosegua invece nella meritoria azione diplomatica  già avviata con gli incontri di questi giorni a Malta e Tunisi”.

Facebooktwitter