“La mozione del Pd sulla gestazione per altri (GPA) approvata dalla Camera tiene conto di una pluralità di situazioni e di posizioni. Una risposta saggia a chi vuole scatenare su questo tema una guerra ideologica”.
Così il portavoce nazionale di ReteDem Sergio Lo Giudice commenta il voto di oggi alla Camera sulla maternità surrogata, che ha visto l’approvazione della mozione PD.
“Sono state respinte le improbabili richieste di considerare la GPA come reato universale – spiega il senatore PD – e si è fatta una corretta distinzione fra le odiose situazioni di sfruttamento di donne non libere, in stato di vulnerabilità sociale o di indigenza, e quei contesti in cui la legge norma relazioni fondate sulla consapevolezza e sulla libertà di tutti i soggetti coinvolti. Soprattutto, si è fatto chiarezza sul fatto che comunque la si pensi, la legge non può violare il diritto dei figli a un pieno riconoscimento della loro identità, al di là di come siano venuti al mondo. Ci auguriamo che questa discussione abbandoni finalmente i toni apocalittici da cui era partita e si apra un sereno confronto su come i vari Stati hanno affrontato e regolamentato la questione”.

Facebooktwitter